Opere letterarie di Giuseppe Firrincieli

Poesie d’autore

Contatti dell’artista – Sito web: http://www.giuseppefirrincieli.com – E-mail: info@giuseppefirrincieli.com >

Sicilia si ’na calamìta!!!

di Giuseppe Firrincieli

Prima Trinacria e poi Sicilia,
quannu matri natura ti pusai na ’stu mari stralucenti,
nun fu ppì casu, ma pirchì sapia…
ca eri ’a cchiù bedda do criatu!
Qualchidunu t’accustau persinu a dea Veneri,
cu n’occhiu franzìnu, ppì apparìri chiù duci,
attraenti e bedda, tantu da fari ’nnamurari,
… no a unu, ma a tutti chiddi ca vènunu e hannu vinuti ccà,
cu sentimenti nobili e di veru amuri,
ma, chiossai, latri, malacunnuti e sfruttaturi.
E hannu vinutu, camiti, semiti, elimi, siculi, sicani,
vinninu ancora estruschi, liguri e macedoni…
E quannu addivintasti Magna,
vìnniru achei e gran signuri di l’anca d’Anchisi.
Di certu nun putevunu mancàri, punici, romani e saracini,
ne’ tempi cchiù vicini nurmanni, galli, iberici e ancora saracini,
ppì arrivàri a savoiardi, tedeschi, austriaci, ’nglisi e miricani,
persinu milanisi, cinisi ed ora?… africani a valanca!
E tu! … hai allargatu li vrazza a tutti,
comu ’na matri di cori granni?
Oppuri è megghiu diri ca nò,
nun l’hai saputu diri, a… nuddu, a nuddu!
Sicilia, ah si na calàmita!!!
Hai attrattu razzi, di tuttu lu munnu,
hannu vinùtu a pistàriti,
a sfruttàri li to vìsciri, miricani e pulintuna.
2
Si nà terra, accussì nica, ca dasti i natali a dui premi Nobel,
Luiginu Pirandello e Turuzzu Quasimodo, macari fama a Ducezio.
Ducezio … Tu mi voi diri chi ci trasi Ducezio?
Ci trasi, ci trasi…!
Roma antica ni fici usu granni do so nomu,
chiamannu Dux tutti i so regnanti e imperaturi.
Persinu Mussolini, si fici chiamari Duce!
Sicilia, a si na calamita, piddaveru!
U Mungibeddu, appoi nun ni parramu …
Quanti pueti, e cantastori hannu decantatu la biddizza
di l’ardenti sempri viva funcia da Muntagna,
perfinu Omeru mannàu Ulisse a cardaciari Pulifemu.
Sicilia? A si ’na calamìta!
Ma lu vantu instancabili ca ti duna ’stu crateri è unicu e sulu …
Appena i siciliani stanu mali, sunu nirvusi,
cuminciunu aviri peni,
puru iddu cumincia a fàrisi l’occhi russi,
jittari focu di li naschi e fàrisi sèntiri … e comu?
Efistu nun’ ni lassa pì curtu,
manna fumu, cìnniri, lava e scossi, puru da eremita.
A nutizia, ca fa ancora cchiù meravigghia e ducizza,
è chidda ca u prisidenti miricanu,
Pippinu Biden, è spusatu cu ’na fimmina di stirpi siciliana,
si, i so avi sunu ibbisoti, va di Ibbisu, di Missina.
Oh Sicilia, si ‘n’amuri ,ma si tutta ’na calamita, para para!

Commento di Giovanna Cappuzzello

Ode dialettale amorevolmente composta e dedicata da Giuseppe Firrincieli alla sua Sicilia, una terra paragonabile alla Dea Venere per quella sua incantevole e dolce bellezza che, fin dall’ antichità, ha attirato, come una vera calamita, numerosissimi popoli stranieri di ogni parte del mondo. Ma il poeta, intellettuale puro e versatile, colto ed eclettico, con versi armoniosi e scorrevoli e dal tono a tratti ironico, conclude il suo iter evocativo, sempre ricco di immagini e di storici ricordi, affermando amaramente che è stata proprio questa sua generosa accoglienza, a braccia aperte, verso tutti, a permettere alle stirpi ladre di pestarla e di sfruttarla, rovinosamente, fino alle sue viscere…

‘U Beddu!!!

di Giuseppe Firrincieli

Ppi deci mila e passa anni,
zanniasti ‘nta lu mari!
Partisti di lu senu di li acqui,
ca allavagnanu lu disertu di Jaràbub,
ppi arrivàri a … Trizza
e ppi trasìri, di straforu, nta lu ventri di l’Isula,
chiamata ’a Bedda!
… Arrivasti sciancatu, tuttu ’nfucatu,
pirdisti ’n peri na lu camminu e …
ancora oggi si ’n piriculu ppi tutti.
Se avvissitu sciddicari a mmari,
tutta ’a Bedda, ti trascìnassitu appressu a tia.
Propriu ’a Bedda, nun ti vulìa propriu,
tantu, ca ti jittau di sciancu!
’A Bedda, ca, jennu jennu, l’hannu chiamàtu,
prima Trinacria, e poi Sicilia,
fu, macari troppu, ma troppu bona cu ttia.
T’ha fattu passàri, e ancora u fa, i megghiu piacìri.
E tu? … T’ha lassatu jri cu tuttu ‘u sceccu!
Di l’ardenti mussu nun t’ha stancatu mai a ruttari
cinniri, petri, mazzacani e sciumi ’i lava ’nfucata!
Di li visciri vugghenti, ha scatinatu p’anfina trimuoti,
granni e nichi … punennu scantu forti e,
mittennu, ni li vaji, ’a genti.
Ni vantàmu ca calamìta, è a Sicilia,
ma, puru tu si ’na petra calamìta, eccomu!
Appena ’a genti vinni a sapiri di la tò esistenza,
nun persi tempu a fàri di tia ’na liggenna,
sì … l’olimpu di la Magna Grecia!
Efistu, cuntentu, nun persi tempu a vèniri,
armau ’na gran forgia e,
propriu, intra di tia, battìu a focu,
ddù gran scudu, ca sirviva, a lu furiusu Achilli,
figghiu di Teti, ppì vindicàri a Patruclu.
Aci, figghiu di Fàunu, re di li pasculi,
vinni ad abbitari ntà ’nu to vadduni e,
‘nnamuratu persu di Galatea,
purtau ‘a giuvani ninfa sinu ntì tia.
… E ncuminzau, accussì, ’a rovina di lu pastureddu!
U giganti Pulifemu persi ’a testa,
ppi la giuvini ninfa di lu mari da Trizza
e, ppì forti gilusia, pigghiau, a pitrati,
ddù nuzzintèddu di Aciuzzu,
finu a luvàrici la vita e lu rispìru.
Ma cu di l’odiu fa minnitta, prestu lu ricìvi.
I pruverbi antichi nun sbàgghiunu mai, mai!
Omeru fici arrivari l’itacensu Ulissi e,
’na vota, ’ntrappulatu nta la grutta di lu giganti,
nun visti l’ura di putìri fùiri,
tantu ca nun persi tempu ppì annurvarlu!
In ’epichi menu antichi, vìnninu gran signuri,
sempri ‘i fantasia, comu re, rigìni e fati…
’A fata Morgana, addimuràu ccà, ’ni tia
e purtau lu so fratuzzu murenti, ’u re Artù,
ntà na varca d’argentu
… era firutu a morti,
ma vinni risuscitatu, da San Micheli Arcangilu,
ppì dari vita a li virtù: Forza e Curaggiu!
Accuntu ti vanti di chiàmariti Etna,
oh vulcanu sempri vigghianti!
I siciliani ti chiamunu Mungibeddu, e macari u beddu!
Ah chi si beddu???
i catanisi, ancora ti sannu sèntiri ’a Muntagna.
Eppuru n’autru nomi beddu ci l’hai ancora: Aitna!
Quasi comu Aitina, ‘a bedda Santa picciridda,
priziusa Patruna catanisi di li miraculi magni,
unu! … Assai ’mpurtanti,
lu ripeti sempri, e mai si lu scorda:
Cu lu Velu fremma la to lava,
quannu si fa assai e priculusa … E tu?
… Accunsenti, accunsenti … e comu?
Mutu!!! E … senza pipitiari!

Commento di Giovanna Cappuzzello

Con padronanza linguistica del dialetto e con innegabile fluidità stilistica scorrono, placidamente, i versi celebrativi della “montagna” dei Catanesi, cioè del vulcano dai Siciliani esaltato come “‘u Beddu”, perché situato nella “bedda” Sicilia. Prendono vita immagini mitologiche, a volte illuminate da antichi detti locali, legate al fascino che il focoso monte esercitò nella Magna Grecia, attirando anche il Dio Efesto e causando la morte del pastorello Aci, ucciso da Polifemo per gelosia. Il poeta Giuseppe Firrincieli, rievocando il lontano passato lamenta, con il suo tipico tono ironico, l’ ingratitudine del “Beddu” verso la terra che lo aveva accolto perché, da sempre, con eruzioni di lava, lapilli e scosse di terremoto, ha terrorizzato gli abitanti dei dintorni. Egli, infine, da profondo conoscitore della storia isolana, ricorda come solo la bedda Santa picciridda, Aitina, riuscì a fermarne la lava, con il suo velo, sostenendo, di conseguenza, che, proprio in virtù di questo miracolo, i Catanesi diedero al vulcano il nome di “Aitna” , mentre il resto del popolo siculo lo continua ancora a chiamare “Mungibeddu” e anche “‘u Beddu.”.

Cenni biografici dell’autore

Giuseppe Firrincieli è nato a Ibla nel 1948, ma vive a Catania. Laureato in Giornalismo scritto e radiofonico, specializzato nella conduzione di Uffici Stampa, Pubbliche Relazioni e Marketing è stato dipendente del Ministero della Difesa e poi Docente di Comunicazione Pubblica, nonché Preside della Facoltà di Sociologia e Scienze della Comunicazione dell’Università San Raffaele di Zugo in Svizzera. Autore del libro “Tecniche e Norme della Comunicazione Pubblica”; il testo è stato adottato dalla Facoltà di Lingue straniere dell’Università degli Studi di Catania, dalla Facoltà di Legge dell’Università degli Studi di Genova e dalla Facoltà di Sociologia dell’Università San Raffaele di Zugo. Iscritto regolarmente all’Ordine dei giornalisti dal 1984, svolge l’attività di giornalista, scrittore e commediografo. Appassionato cultore della storia e lingua siciliana, è autore dei libri: “Noi Italiani e Voi Siciliani!” edito da “Lumieres Internationales” anno 2009. “Voglia di Sicilia” edito da Boemi Editore anno 2012. “Breviario Siciliano di Parole, Pensieri e Paradossi popolari” edito da Algra Editore anno 2015. Commedie Teatrali “Unni manca Diu provviri” e “Nenti fari ca nenti si sapi”.

~ ~ ~

Editing: ArteInvest – Contenuti: Giuseppe Firrincieli – Commenti: Giovanna Cappuzzello – Impaginazione e layout: Daniela Forlan – Grafica e programmazione: Giuseppe Perseo – Per info e contatti visita la pagina: Lo Staff

Avviso: i commenti vengono moderati con una cadenza di 12h, quelli contenenti frasi volgari, e-mail false o spam saranno eliminati.

~ ~ ~

Condividi questa pagina

3 commenti “Opere letterarie di Giuseppe Firrincieli”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *