U CUNTU I L’UOMU di Giovanni Gulino

Testo in dialetto Siciliano

U CUNTU I L’UOMU

Sutta stu cielu ri stiddi siminatu
nasciu I’uomu pi dati lustru o criatu
e accussì bedda era sta criatura
ca u suli l’abbrazzau ca so calura.

A natura poi ci fici ‘na gran festa
cu rosi e ciuri s’arraccamau a vesta
paria quasi ca ogni fruttu ‘nto jardinu
p’iddu si facia ruossu e zuccarinu.

Canti e balli durarru ‘n pocu r’anni
l’uomu crisciu, criscierru i so ‘nganni
e a la Terra ci vosi rubbari ogni ricchezza
senza rispettu ppa vita e a sò biddizza

picchi bisogni avia ri gran signuri
campali nun putia sulu d’amuri
e accussi ranni risiu di cumannari
ca nudda ligghi potti rispettati

Forsi fu ‘mmiria, corni pí Cainu
e divintau ‘ngratu e malandrinu
sapiri ca u munnu era in affittu
ci fici aumintari lu pitittu.

Cco tiempu ppuoi ca vinni a passali
avvilinau a terra, u cielu, u mari
si ni pintiu, vulia riparati
ma u cori ci ricia: nun si po’ fari!

Vulau circannu ppi autri munni
na risposta, ma va a sapìri unni
ca sempri sintia murmuriari. stirpi rí semidei
mori ora Sansuni ccu tutti i filistei!

Testo tradotto

IL RACCONTO DELL’UOMO

Sotto questo cielo a stelle seminato
nacque l’uomo per dar lustro al creato
e talmente bella era questa creatura
che il sole l’abbracciò con la sua calura.

La natura poi gli fece una gran festa
con rose e fiori si ricamò la veste
pareva quasi che ogni frutto nel giardino
per lui si facesse grosso e zuccherino.

Canti e balli durarono un po’ d’anni
l’uomo crebbe, crebbero i suoi inganni
e alla Terra volle rubare ogni ricchezza
senza rispetto per la vita e la sua bellezza

perché bisogni aveva da gran signore
viver non poteva solo d’amore
e così gran voglia di comandare
che nessuna legge poté rispettare.

Forse fu invidia, come per Caino
e diventò ingrato e malandrino
sapere che il mondo era in affitto
gli fece aumentare l’appetito.

Col tempo poi che venne a passare
avvelenò la terra, il cielo, il mare
si penti, voleva riparare
ma il cuore gli diceva: non si può fare!

Volò cercando su altri mondi,
una risposta, ma va a sapere dove
perché sentiva sempre mormorare: stirpe di semidei
muoia ora Sansone con tutti i filistei!

~ ~ ~

Editing: ArteInvest – Autore: Salvatore Orazio Sambataro – Contenuti: Giovanni Gulino (giovannigulino68@yahoo.it) – Impaginazione e layout: Daniela Forlan – Grafica e programmazione: Giuseppe Perseo – Info e contatti: lo staff

~ ~ ~

Condividi questa pagina

2 commenti “U CUNTU I L’UOMU di Giovanni Gulino”

    1. Si, è la mia voce, come si addice a un cuntu, raccontino fiabesco popolare a volte improvvisato da nonni o mamme e persino recitato con le voci dei personaggi citati, alla maniera dei nostri giullari cantastorie o dei pupari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *