Calcata (VT) “il borgo degli artisti”

Autore: Salvatore Orazio Sambataro
Impaginazione e layout: Daniela Forlan
Grafica e programmazione: Giuseppe Perseo
Info e contatti – Redazione ArteInvest

Oggi ho il piacere di farvi entrare virtualmente in un luogo meta di molti miei pomeriggi romani, un borgo magico dove il tempo sembra essersi fermato e dove amavo recarmi quando sentivo la necessità di evadere dal caos metropolitano della Capitale.

Calcata è un piccolo comune della provincia di Viterbo che, sebbene si trovi a soli 40 chilometri da Roma, è riuscito a conservare intatti i propri patrimoni storico e naturale. Il centro storico di Calcata, arroccato su di una montagna di tufo, domina la verde valle del fiume Treja. Al borgo si accede dall’unica porta che si apre sulle mura. Oltrepassando il portone d’ingresso si fa all’improvviso un salto all’indietro nel tempo.

Il borgo, comunemente detto anche “borgo degli artisti” deve l’appellativo ai suoi abitanti, gran parte creativi e artisti provenienti da tutto il mondo che vivono e lavorano tra viuzze strette e arroccate. Nel paese troviamo pittori, scultori, musicisti, attori, amanti dell’arte e non mancano neppure cultori di esoterismo. I visitatori accedono nelle botteghe spesso comunicanti con gli alloggi, con una naturalezza disarmante, come si trovassero in visita da amici.

Al di sotto del livello delle stradine e delle piazze molte case hanno grotte spesso anche a più piani sotterranei. Sono depositi, cantine e, a volte, tombe e antichi luoghi di culto. Dal paese si può accedere a diversi percorsi naturalistici, a piedi o a cavallo, che attraversano il Parco regionale Valle del Treja.

La storia di Calcata

Nel 1935 Calcata viene abbandonata da gran parte della popolazione in quanto ritenuta poco sicura perché dichiarata a rischio sgretolamento. Gli abitanti, si sono dunque trasferiti a pochissimi km da lì, in quella conosciuta tuttora come Calcata nuova, mentre il borgo medioevale viene chiamato Calcata vecchia. Negli anni 60 Calcata vecchia, dopo aver rischiato anche di essere abbattuta, viene ritenuta sicura e nuovamente ripopolata, per lo più da pittori, artisti da strada, musicisti e attori. Attualmente, è abitata da poco meno di 100 persone, sia italiane che straniere, che hanno scelto questo posto con la consapevolezza di vivere lontani dal caos urbano e quasi isolati, perché non si ha né linea telefonica né connessione sul cellulare. Una vera e propria “isola” distaccata dalla realtà quotidiana.

Condividi questa pagina

4 commenti “Calcata (VT) “il borgo degli artisti””

    1. Gentile Luisa, grazie per gli apprezzamenti! Se ha provato a fare delle ricerche senza ottenere risultati utili provi a contattare il nostro capo redattore tramite e-mail: Salvatore Orazio Sambataro (orazio@sambataro.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *