Amedeo Modigliani (Ristratto a Jeanne Hebuterne – 1918)

Modigliani – Ristratto di Jeanne Hebuterne

Uno dei molti ritratti fatti a Jeanne Hebuterne nel 1918 dal pittore livornese Amedeo Modigliani, per citare cosi la storia di un amore tragico ma allo stesso tempo profondo e passionale. L’opera ritrae la bellissima Jeanne, che decide di lasciare la sua famiglia benestante per seguire Amedeo e vivere con lui tra amore e miseria. Un amore profondo che la porterà a restare a fianco dell’amato fino alla fine, mentre lo stesso giace delirante nel letto, ormai prossimo alla morte. Il gesto tragico si compie tre giorni dopo la dipartita dell’artista, quando decide di togliersi la vita lanciandosi da una finestra con in grembo il frutto del loro amore. I genitori di Jeanne, che non avevano mai approvato la relazione con il controverso artista, la faranno seppellire nel cimitero parigino di Bagneux, solo nel 1930 i suoi resti verranno riavvicinati a quelli di Modigliani. Il suo epitaffio recita: “Devota compagna sino all’estremo sacrificio”.

Condividi questa pagina

One thought on “Amedeo Modigliani (Ristratto a Jeanne Hebuterne – 1918)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *