Napoli il primo museo dell’acqua

Un nuovo percorso museale nella Napoli sommersa tra un gioco di luci e suoni. Nella Basilica di Santa Maria Maggiore alla Pietrasanta, è stato inaugurato il primo museo dell’acqua, nato dalla collaborazione tra l’associazione “Pietrasanta Polo Culturale Onlus” e l’Azienda Speciale ABC – Acqua Bene Comune Napoli. Raggiungibile con il nuovo “ascensore archeologico” costruito nel sottosuolo della Pietrasanta. Il visitatore sarà in introdotto alle antiche cisterne dell’Acquedotto Bolla da reali pezzi idraulici della rete post bellica dell’acquedotto napoletano: la cosiddetta “Cisterna delle anguille”, la più piccola delle due, e la “Sala delle Onde”. Quest’ultima, denominata la piscina del Principe che si trova esattamente sotto il Palazzo del Principe Gaetano Filangieri d’Arianello in via Atri; considerata la più grande del centro antico, larga dieci metri, lunga oltre venti, profonda più di cinque e con una capacità di 400 metri cubi di acqua.

Condividi questa pagina

One thought on “Napoli il primo museo dell’acqua”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *