Gocce d’Arte – Opere di Sebastiano Cannarella

Autrice: Giovanna Cappuzzello
E-mail: giovicappuzzello@gmail.com
Profilo Social: Facebook

“Il burattino senza fili” – Olio su compensato 56×82

Abbracciare fortemente la propria anima per non farla scappare via; Questa è la chiave di lettura del dipinto, dagli accesi e contrastanti colori, che narra di un bel burattino senza fili. Egli incrocia le braccia per recuperare quel senso di appartenenza alla propria identità, dopo anni di triste sdoppiamento dell’ io, al fine di strappare un sorriso e un applauso al pubblico pagante. Il burattino, dagli occhi tristemente densi di cielo, è la metafora dell’uomo ormai maturo, finalmente pronto non solo a guardare oltre le contraddizioni della vita e ad accettarle, ma anche e soprattutto, disposto ad abbandonare le catene della servitù al gregge, per diventare persona padrona di sé e della proprie idee…

“Massimo Troisi” – Tecnica mista 70×50

Il pittore Sebastiano Cannarella, nel ritratto dedicato al grande Massimo Troisi, lo rappresenta nel momento in cui egĺi inteŕpreta la parte del “postino” nell’ omonimo film e, con occhi sgranati e colmi di meraviglia, esprime il suo stupore per aver scoperto il valore e l’ essenza della poesia nella vita. Se da una parte il riflesso azzurrino dei capelli sembra accompagnarlo nell’ eden dell’ imminente rinascita interiore, dall’ altra, i tratti decisi del volto e le linee morbide del busto, insieme alle armoniche e chiare cromie, ricordano fisicamente l’ uomo, immortalandone Il mito di artista e di poeta, con la melodia e la solennità di un canto epico, destinato a durare nel tempo…

“Marzamemi anni ’50 – ’60” – Olio su cartone 51×76

È come se le “varcuzze” galleggiassero nel mare uniforme della memoria, simili ad immagini magicamente materializzate ed incollate su una striscia blu, priva di sfumature o di increspature interiori. I ricordi vengono a galla nella mente di un pittore che, da bambino, vedeva le donne del paese in attesa del ricco bottino dei pescatori, costituito da sarde e da alici da salare, per guadagnarsi un pezzo di pane. È l’ eco della nostalgia che fruttuosamente opera nel quadro, è l’afflato poetico del passato che traduce le intime sensazioni in ampie pennellate di colore e in forme semplificate, tutte riecheggianti il sommo Gauguin. In lontananza si intravedono i magazzini della salagione, anch’essi testimoni materiali ed oculari di una storia di duri sacrifici e di dignitoso lavoro che, da buoni siciliani, ci appartiene e ci onora…

Condividi questa pagina

19 commenti “Gocce d’Arte – Opere di Sebastiano Cannarella”

  1. Sebastiano Cannarella realizza una pittura spontanea, la cui caratteristica è il piacere di raccontare per immagini valendosi di un vibrante cromatismo, rispondendo a una necessità interiori sull’impulso di sollecitazioni emotive e di racconto della sua terra nativa. Una plauso và a Giovanna, curatrice della rubrica, per l’ ottimo lavoro svolto.

    1. Caro Salvo,
      Ti ringrazio infinitamente per le tue gentili parole nei miei riguardi. …grazie anche per la tua naturalw generosità!

  2. Complimenti all’artista Sebastiano Carrarella per le sue opere intense e piene di umanità e complimenti anche a Giovanna che, con semplicità ma grande attenzione, riesce a dare voce ai sentimenti che si celano dietro l’immagine pittorica.

  3. Colori vivaci e splendenti quasi a simboleggiare la nostra terra solare…… ritratti che esprimono l’anima dei personaggi….. complimenti all’artista e naturalmente a Giovanna che ci prende per mano e ci fa entrare dentro le opere

    1. Cara Carmela,
      Grazie per le splendide parole rivolte a Sebastiano Cannarella e a.me.
      Ricordati che tii aspetto sempre per continuare, insieme, il viaggio dentro le opere d’ arte

  4. Mi piace la semplicità, la capacità, senza inutili orbelli o astrusità, con cui Giovanna guida noi fruitori, anche profani, alla comprensione dell’opera, quasi aprisse uno spioncino di osservazione sull’interiorità dell’artista.

    1. Ciao GIOVANNI!
      Grazie per l’ immagine dello “spioncino’ che hai usato riferendoti a me…bellissima, non la dimenticherò. ..A presto!!

  5. Complimenti all’artista Cannarella e a Giovanna, la curatrice della rubrica, alla quale vanno anche i nostri migliori auguri di buon onomastico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *