Caravaggio (Cupido – 1602)

È la Gemäldegalerie di Berlino a custodire quest’opera straordinaria, la più celebre allegoria del Merisi. Questo Cupido, che secondo alcuni ritrae il garzone (e forse amante) del Caravaggio, è alato, ridente e trionfante. Amore vince sul mondo terreno, rappresentato dalla natura morta. La sua regalità simboleggiata dallo scettro e dalla corona, con le armi e la corazza, lettere e musica e, infine, il globo celeste che indica l’Amore che trionfa sull’universo.

Condividi questa pagina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *